martedì 11 settembre 2007

un déjà vu

Oggi riunione pre-prima elementare della Seconda. Maestre diverse ma comunicazioni uguali, cambiano solo i colori delle copertine dei quaderni. Anzi no, una maestra in piena controtendenza vuole i quadrettoni, quelli da 1 cm. Non ne ho neanche uno in casa.
Il fatto è che con la Seconda non c'è più l'ansia che abbiamo vissuto con la Prima (e spero neanche gli sfracelli seguenti, che mi sono costati un pezzo di cuore-fegato-cervello), per cui nell'ordine non ho ancora:
- ricoperto i libri
- scritto il nome su pastelli-matite-gomme-temperini-tutta la cancelleria
- comprato le etichette
- comprato i quaderni (ma si sa, per quello si aspetta l'elenco della maestra).
Non so come facciano quelli che hanno anche il Terzo o addirittura il Quarto a non subire questo aspetto di ripetitività.
A me è successo per tutta la gravidanza (massì le eco però non esageriamo), e pure dopo (vabbè se posticipiamo di una settimana la visita dal pediatra che sarà mai), come se averlo già fatto una volta mi avesse vaccinato per l'excursus della Seconda.
Forse i Secondi sono più pestiferi per questo (anche io sono Seconda), perchè sentono che devono stupire, fare effetti speciali, se no i genitori si annoiano a rivedere lo stesso numero.
O forse sono io che ho qualche lacuna nell'istinto materno.

2 commenti:

BMV-Pedrita ha detto...

Guarda c'è fior di letteratura sul perché i Primi sono come sono e i Secondi pure - ed è vero, di solito sono più pestiferi.
Io sono una Prima e mia sorella una Seconda e calziamo perfettamente nei cliché.

No, non credo ci sia niente di lacunoso nel tuo istinto, anche se non ti conosco.

Quando tu hai frequentato la prima elementare - o la prima classa di ogni corso di studi - eri certamente più emozionata che non l'anno successivo, quando molte cose si ripetevano.
Ecco credo - ma non ho figli, quindi non so - che sia la stessa cosa con la prole.

Per dire io ho un cane e certe volte penso di prenderne un secondo, non fosse che non ho un giardino ed è già così un grosso impegno.
Ma rispetto alle ansie che mi ha procurato la prima - è una femminuccia - l'idea di un secondo mi diverte e basta.

L'importante in tutto questo credo che sia non penalizzare la tua Seconda figlia.
Cioé che lei non ti veda meno attenta e coinvolta rispetto a com'eri con la prima. Perché allora sì che poi si sentirebbe ferita.
E costretta a far le bizze per farsi notare.

Anonimo ha detto...

I wish not agree on it. I think warm-hearted post. Specially the appellation attracted me to read the unscathed story.